Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Stampa

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

La conferenza stampa di presentazione della III edizione di “Strenne piccanti” può essere definita come un incontro tra amici che condividono la stessa passione per “Re peperoncino”, l’ amore per una terra generosa come la Calabria.

La sede in cui si è tenuta è stata la stessa dell’evento: l’Hotel Porta Maggiore a Roma. Gran cerimoniere è stato il presidente di IPSE DIXIT, delegazione romana dell’Accademia del Peperoncino, Antonio Bartalotta. Egli ha armonizzato gli interventi dei qualificati relatori: il giornalista e gastronomo Beppe Bigazzi, lo chef stellato Enzo Barbieri, il direttore del Parco Nazionale della Sila Michele Laudati, il presidente Enzo Monaco l’attore Gianni Pellegrino. Dai loro interventi è emerso un programma particolarmente ricco e variegato, con attività anche nella giornata di sabato e non solo di domenica, come nelle passate edizioni.

Si ricordano convegni, approfondimenti culturali, premiazioni, una simpatica gara di “mangiatori” dei peperoncini più piccanti, presentazione di eventi e di libri, senza trascurare la solidarietà. Nel corso della presentazione sono stati illustrati i prodotti dell’eccellenza enogastronomica della Calabria, evidenziando i loro benefici  sulla salute, la loro storia e tradizione. Particolare attenzione è stata posta  alle loro caratteristiche organolettiche, legate alle peculiarità naturali ed alle lavorazioni artigianali. Guest Star della manifestazione si è confermato lo Chef Enzo Barbieri con i suoi show cooking, cena di gala e pranzo narrato, che ha fatto venire l’acquolina in bocca a tutti i presenti. Madrine dell’evento sono state l’ attrice Luciana Frazzetto e la cantante Lavinia Di Gisi.

Il finale della conferenza è stato un momento di coinvolgente divertimento con la “piccantissima” ironia di Gianni Pellegrino, il quale ha dato un “assaggio” dell’allegria che è stata trasmessa nella manifestazione.  

Al termine della presentazione abbiamo chiesto allo Chef Enzo Barbieri maggiori particolari sulla sua presenza a “Strenne piccanti”. “Sono da sempre legato ai prodotti dell’eccellenza nell’enogastronomia calabra ed ho accettato volentieri di promuoverli mettendo a disposizione la mia competenza e professionalità”. Quali sono queste ricchezze della terra?Lungo la dorsale appenninica si incontrano i venti marini provenienti da est ed ovest che generano un microclima che favorisce colture straordinarie, ad esempio olio, peperoncino, formaggi, fichi “dottati” cioè quelli adatti ad essere seccati che hanno pochi semi e sapori ricercati, senza dimenticare la carne podolica. Per questo ho volutamente scelto come location per il mio filmato istituzionale il Parco della Sila che è uno dei pochissimi luoghi dove crescono i famosi carciofini selvatici. Un’altra ricercata prelibatezza digeribilissima è il pane di Tessano, di cui sono testimonial e che ha avuto un grande successo anche tra lo staff del programma televisivo “La prova del cuoco”. Ci anticipa delle golosità che presenterà in queste giornate? “Nello show cooking insegnerò una mia specialità che numerossime persone mi hanno chiesto: i peperoni croccanti. Un’altra ricetta dal gusto raffinatissimo sarà preparato con un riso, quello di Sibari, per palati esigenti. Il menù raccontato sarà rigorosamente legato alla tradizione come i maccheroni con il ferretto, le lagane e ceci, stufato di manzo podolico. Il suo impegno non è solo nella promozione delle specialità del territorio…“E’ vero, la mia cura ed attenzione è rivolta anche ai giovani. Ho portato a “Strenne piccanti” gli studenti dell’istituto alberghiero di Castrovillari. Per loro potrà essere un’opportunità formativa in un ambiente stimolante ed anche essere una bella esperienza.

Dopo abbiamo chiesto al Direttore del Parco Nazionale della Sila Michele Laudati di fornirci gli elementi di maggiore interesse del suo ente. “Devo fare una premessa: la Calabria è una terra ricca di biodiversità, da un punto di vista naturalistico ed ambientale ha un patrimonio di inestimabile valore. Si tratta di elementi che costituiscono alcuni degli aspetti caratteristici del  Parco. Quest’ultimo è un forte elemento di attrazione turistica grazie a due centri visita unici nei parchi nazionali d’Europa, con un museo naturalistico fatto da Alberto Angela, un museo della biodiversità con 22.000 esemplari, un giardino botanico ed uno officinale, fauna selvatica. Quest’anno abbiamo avviato una collaborazione con il FAI per la gestione dei “giganti della Sila”. Esso sono 50 alberi con 500 anni di età con circa due metri di diametro e 45 metri di altezza che si trovano nella riserva della biodiversità. Inoltre, stiamo lavorando intensamente per un ambito riconoscimento UNESCO:  quello della riserva della biosfera.  

Il Presidente Enzo Monaco è giunto all'Hotel Porta Maggiore nel pomeriggio per dare il via alla manifestazione attraverso il taglio del nastro inaugurale. Presenti anche i direttori dell'HPM Fabio Gaudesi e Massimiliano Celestini, le madrine dell'evento l'attrice Luciana Frazzetto e la cantante Lavinia Di Gisi.

Al Presidente Monaco abbiamo chiesto cosa rappresenta per l'Accademia la manifestazione pre-natalizia organizzata dalla delegazione romana IPSE DIXIT. "Strenne Piccanti è ormai un appuntamento irrinunciabile per gli appassionati di peperoncino della Capitale e non solo. Molti sono i visitatori calabresi che vivono ormai da anni a Roma, ma si nota anche la presenza di molti romani che attendono questo appuntamento con trepidazione e curiosità. Una manifestazione che giunge alla III edizione non può che definirsi vincente sotto tutti gli aspetti e, ne sono certo, crescerà sempre di più anno dopo anno". Qual'è la formula vincente di Strenne Piccanti? "Da quello che afferma il Presidente della delegazione romana, Antonio Bartalotta, il segreto del successo sta nell'allinearsi a quelle che sono le attività che si svolgono ormai da 24 anni all'interno del festival del peperoncino di Diamante (a settembre 2017 le nozze d'argento del festival, 25esima edizione, ndr), ma non è solo questo, anche perché io propongo solo minime indicazioni, loro sono bravi ad unire alla divulgazione delle caratteristiche benefiche e salutari del peperoncino, le eccellenze calabresi attraverso esperienze raccontate da autorevoli esponenti istituzionali che vivono costantemente il territorio e portarle all'evidenza della città di Roma". Strenne Piccanti è l'occasione giusta per far conoscere la cultura enogastronomica calabrese ai romani, ma sfogliando il programma si evince che viene concesso ampio spazio anche all'arte, alla letteratura ed al cinema "Certamente, il programma è veramente molto completo e soddisfa le esigenze di ogni partecipante, come si suol dire ce n'è per tutti. Giustamente come ha sottolineato, non si trascura alcun dettaglio, mi ha particolarmente colpito anche l'aspetto della solidarietà che Bartalotta non dimentica mai di inserire nel programma di questo evento che, nella sua totalità, ben rappresenta l'Accademia italiana del peperoncino".

Tele Diamante, la TV ufficiale della manifestazione, ha ripreso i momenti più salienti dell'evento coinvolgendo tutti i protagonisti. Enzo Caselli, che ha rappresentato la TV diamantese, è riuscito con professionalità e passione a far vivere sensazioni ed emozioni ai telespettatori che avranno la possibilità di rivedere le immagini anche sul web collegandosi al sito di Tele Diamante.