Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Stampa

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Il nostro Presidente, a seguito del conferimento d'incarico ricevuto dal Presidente prof. Enzo Monaco, in rappresentanza dell'Accademia italiana del Peperoncino, parteciperà il 1 ottobre alla conferenza stampa di "SOLIDARIETA’ PICCANTE, UN PEPERONCINO PER L’AUTISMO" - Campagna di sensibilizzazione sull’autismo e di solidarietà per i bambini autistici in oltre 400 città 5 - 25 ottobre 2015.

L’Associazione di volontariato Una breccia nel muro presenterà l’1 ottobre, alle ore 10.30, presso il MAXXI, la 4^ edizione di “Solidarietà piccante, Un peperoncino per l’autismo”, campagna di sensibilizzazione e di raccolta fondi a favore dei bambini autistici – tra i due e i dodici anni - che seguono i percorsi di trattamento nei centri dell’Associazione. Locandina 1 e locandina 2

Alla conferenza stampa interverranno: Luigina Di Liegro, assessore alla qualità della vita di Roma Capitale, Nereo Zamaro, direttore delle politiche sociali della Regione Lazio, Stefano Vicari, primario di neuropsichiatra dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù, Alberto Zuliani, presidente dell’Associazione Una breccia nel muro, Fabrizio Mora, responsabile territoriale di Veneto Banca, Antonio Bartalotta dell’Accademia italiana del peperoncino, Marco Sabatini Scalmati, giornalista. Sarà anche un’occasione per ragionare sulla recente legge sull’autismo entrata in vigore il 12 settembre scorso.

Dal 5 al 25 ottobre, i volontari e gli amici di Una breccia nel muro saranno nelle piazze, nei circolo sportivi, nelle scuole, nelle filiali di Veneto Banca, partner dell’iniziativa, in enti e aziende e in tanti altri luoghi, per sensibilizzare sul tema dell’autismo, sui suoi sintomi precoci e sulle terapie efficaci.

L’Associazione Una Breccia nel muro, con la sua attività di volontariato e di assistenza, è da anni vicina alle famiglie dei bambini autistici, attraverso il progetto “Facciamo Breccia”, realizzato con la consulenza scientifica dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù.

La campagna di sensibilizzazione ha avuto il patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale e dei Comuni di Campobasso e Rende. www.solidarietapiccante.it

L’Associazione di volontariato "Una breccia nel muro, onlus" è nata con l’intento di “fare breccia” nelle barriere che sono intorno a ogni disabilità, in particolare alle persone con autismo. Si prende cura dei bambini autistici dai 18 mesi ai 12 anni, mediante percorsi personalizzati e intensivi. Forma terapisti alle metodologie cognitivo-comportamentali; svolge attività di ricerca per migliorare i trattamenti, sottoponendo i risultati alla valutazione scientifica internazionale; contribuisce alla conoscenza dell’autismo fra la popolazione e nelle istituzioni. Nei centri viene data una formazione adeguata alle famiglie per proseguire il trattamento ogni giorno, nell’ambiente domestico. Sono inoltre offerti corsi di formazione per insegnanti e operatori scolastici per accogliere i bambini autistici nelle classi.

I disturbi dello spettro autistico. I disturbi dello spettro autistico (autismo e disturbi generalizzati dello sviluppo, DGS) si presentano intorno ai due anni di età, hanno una prevalenza sui nati dell’1% e una netta prevalenza maschile (3-4 volte maggiore rispetto alle femmine). Le persone con autismo o DGS hanno grande difficoltà a rapportarsi con gli altri e a comunicare in modo adeguato (il linguaggio può essere assente o usato in modo anomalo) e presentano comportamenti ripetitivi e interessi ristretti. Gli interventi di recupero devono essere effettuati immediatamente, appena la diagnosi sia certa, e mirano a migliorare la capacità relazionale e la qualità della vita dei bambini, subito e quando saranno adulti, per favorire l’integrazione nel tessuto sociale di persone che altrimenti ne risulterebbero escluse, con incalcolabili costi sociali.

Per ulteriori informazioni: Alessia Turchi - FIll_Blank Agency - 333 85 33 682 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.